06-20 Novembre 2016, Belmonte Calabro

UNIT6 & Studio3 Field Trip

Primo viaggio esplorativo degli studenti londinesi

con il patrocinio del Comune di Belmonte Calabro

Con Ex Convento, Antico Caffè Marano, Bar dello Sport

Unit 6: Assemblea Civica

Tra le fragilità vissute dai residenti locali, questi antichi borghi offrono un terreno ricco e fertile per studiare come le risorse di provenienza locale possono essere trasformate usando anche dei processi presenti nelle città più dinamiche.

Spetta agli architetti in queste circostanze sostenere la crescita di nuovi “luoghi dell’abitare” per promuovere la condivisione e sopratutto una generosità nell’atto di creare – coinvolgendo artigiani e residenti nell’uso di materiali, risorse spaziali e infrastrutture cosi da impegnarsi e contribuire alla crescita della cultura di questi luoghi spesso considerati marginali.

Conversazioni al bar per la firma del memorandum

Field Studies

Contesto:

Circa il 42% della terra di Calabria è montuosa, con il 49% dedicato alle colline, lasciando circa il 9% per le pianure. La terra è ricca di boschi e presenta boschi di conifere, come la foresta della “Sila” che copre una vasta area della Calabria. Le terre inferiori sono ricche di agricoltura. Gli agrumi e i vigneti occupano i piani inferiori, mentre i pendii più alti sono occupati da ulivi e fichi d’india. Lo sviluppo costiero ha occupato questa terra preziosa per l’agricoltura. Tuttavia, la maggior parte dei problemi è derivata dall’immigrazione di massa dei residenti verso le aree più urbanizzate. 

Ricerca:

Dato questo contesto, il sito si concentra su una striscia di terra dal mare a una sorgente di montagna nella area di Belmonte Calabro, nel sud Italia, esaminando, negoziando, sviluppando e costruendo iniziative interculturali creative intorno e all’interno del centro storico di Belmonte Calabro. Lavorando con clienti reali e continua la sperimentazione durante i laboratori estivi.

Migrazioni:

Prima dell’inizio della primavera araba nel 2011, la Libia era un paese che ospitava molti rifugiati provenienti da numerosi paesi africani. Tuttavia, negli ultimi tempi, per i migranti africani è diventato sempre più pericolosa vivere dopo lo scoppio della guerra civile. È per questo motivo che la maggior parte dei migranti e rifugiati che arrivano sulla costa calabrese provengono dal continente africano. Poiché la costa italiana è il più vicino dei paesi europei a molti dei paesi che stanno attraversando disordini politici, è diventato il paese leader nell’UE per ospitare i rifugiati, a causa del fatto che il trattato di Dublino afferma che il richiedente asilo dovrà richiedere il documento e risiedere per tutto il periodo dell’iter legale nello stato in cui ha fatto il proprio ingresso.

Mappa emotiva eseguita con bambini della scuola elementare locale
Belmonte Centro Storico

Il centro storico ha le qualità tipiche di un villaggio rurale in cima a una collina nel sud Italia; il ritmo della vita è lento e tranquillo. E’ un tipo borgo medievale costruito su diversi livelli, principalmente pietra e legno.
In una tipica giornata, gli uomini riuniti al bar locale si ritrovano a socializzare o a guardare partite di calcio. Durante la sera, a maggior parte degli uomini si ritrova a giocare a carte al bar del paese. Durante queste serate, gli studenti riescono a socializzare e ad osservare il contesto sociale e culturale del luogo.

Il centro storico ha una fluttuazione stagionale della popolazione, con circa 80 residenti permanenti. Il periodo più intenso è durante i mesi estivi, tra giugno e settembre.

Belmonte Marina: 

Durante lo sviluppo dell’area, in seguito alla Seconda Guerra Mondiale, le persone hanno iniziato a migrare nel Sud e nel Nord America in cerca di un futuro migliore. Quando sono tornati hanno iniziato a investire denaro portando i modelli architettonici e di stile di vita che hanno visto durante il soggiorno all’estero. Questo
processo ha portato anche l’attenzione di persone provenienti da altre parti d’Italia e della regione ha iniziato a crescere rapidamente finanziariamente fino alla metà degli anni ’70. Successivamente, con il declino demografico esponenziale e l’inizio della crisi economica nell’Italia meridionale, gli investimenti hanno iniziato a essere dirottati verso altre regioni lasciando la gente del posto con un sogno che non si è mai realizzato. La scia del periodo più florido della regione, ha lasciato la Marina con infrastrutture, come l’aeroporto locale, e attività che non sono presenti in altre parti della Calabria. Il desiderio della popolazione locale di vivere in case più grandi e moderne e le necessità di un accesso più facile ai collegamenti con le principali città, è ciò che ha portato le persone a spostarsi dai loro vecchi insediamenti sulle montagne vicino al mare. Le due infrastrutture principali, la ferrovia e l’autostrada sono una fonte vitale per mantenere vive le attività locali, anche se la stazione ferroviaria è stata recentemente chiusa a causa di un numero troppo limitato di persone che la utilizzano.

Workshop di disegno con i migranti di amantea
Studenti e professori della London Metropolitan University ad un tavolo

dona ora img

Pre-iscriviti a Crossings 2021

Scopri di piÙ
Registrati ora