03-13 Luglio 2018, Belmonte Calabro

Crossings

Il fulcro del tessuto urbano, la biblioteca

Con Jane McAllister, Sandra Denicke-Polcher, Orizzontale, Mark Collington e Naomi Groves. In collaborazione con London Metropolitan University, Orizzontale, Ex Convento.

Con il patrocinio del Comune di Belmonte Calabro.
Con la partecipazione di Altrove Festival, Belmonte in Rete.

Contaminazione culturale di “non luoghi”

Crossings 2018 è il secondo progetto di una iniziativa triennale che attraverso una concezione di architettura socialmente impegnata mira a sollevare l’attenzione su due fenomeni: lo spopolamento del paesino italiano di Belmonte Calabro e i fenomeni migratori interni al Mediterraneo, fenomeni opposti e consonanti, che vengono qui accordati suggerendo di mescolare le culture come strumento di trasformazione sociale e spaziale.

Questa fase del progetto includerà la ricerca e la proposta di aperture spaziali, realizzate attraverso modelli fisici e proiezioni digitali, nonché la creazione e la costruzione di una struttura adattabile che può essere utilizzata per diversi tipi di eventi come mostre, teatro spettacoli, conferenze e così via.

partendo dalla sala dimenticata al piano terra della libreria comunale, si e’ modellata una wonder room di ricordi.

Libreria prima della Settimana di workshop

Grazie al lavoro della London Metropolitan University e del collettivo Orizzontale, il vecchio magazzino al piano terra della Biblioteca di Belmonte Calabro è tornato a una nuova vita, trasformandosi in uno spazio di discussione basato su esperienze architettoniche e relazionali. La Biblioteca, infatti, posta nella piazza principale del centro storico, a causa dello spopolamento che ha interessato il paese, è sempre meno utilizzata: lo scopo di Crossings è riaprirne le porte e far sì che queste stanze tornino ad essere abitate dai vecchi e dai nuovi abitanti del paese.

È diventata così una Wonder Living Room, uno spazio espositivo che è stato inaugurato con una mostra di oggetti sentimentali e storici, selezionati e raccolti tra gli abitanti del luogo durante le giornate del workshop, che raccontano le tradizioni di Belmonte Calabro e la sua nuova contemporaneità. Il progetto di redesign degli spazi interni è maturato durante il workshop guidato da “Le Seppie” e Orizzontale, in collaborazione con le professoresse Sandra Denicke-Polcher e Jane McAllister della London Metropolitan, mentre le strutture adattabili per le mostre sono state disegnate dal collettivo romano e realizzate con il contributo di migranti, studenti e abitanti del luogo.

La biblioteca comunale – situata nella centrale Plazza di Tarsia – sta lentamente cadendo nel patrimonio irrilevante del paese. In che modo il design collaborativo può aiutare a mantenere tali luoghi rilevanti per le comunità presenti e future?

Creare valore nella ricerca del passato

Il lavoro svolto durante Crossings, aiuta ad interrogarsi su come la ricerca, la progettazione e le tecnologie possono essere utilizzate per migliorare il tessuto culturale e sociale delle comunità rurali, sperimentando azioni innovative che affrontino lo spopolamento dei cosiddetti
“villaggi minori”, progettando strutture per queste aree, che valorizzino le differenze

La Coscienza dei luoghi

L’obiettivo principale è dare ai vecchi e nuovi abitanti, una maggiore consapevolezza del territorio e del suo patrimonio culturale. Quest’anno si è sperimentato non solo, attraverso il workshop di progettazione, ma anche con un’esperienza di animazione in stop motion e film realizzata in collaborazione la facoltà di animazione della London Metropolitan University. 

Una rivoluzione, dell’immaginario e degli spazi, che coinvolge diversi e imprevisti interlocutori.
Lo scopo principale E’ quello di sperimentare una nuova pedagogia per tutti i campi creativi, sviluppando progetti di apprendimento formali e informali, promuovendo incroci e confronti tra persone di diversi background, la comunita’ locale e i migranti.

Illustrazione della facciata della libreria

Durante questa esperienza rivolta sia alla comunità del borgo e che agli ospiti del centro rifugiati di Amantea, hanno selezionato immagini e suoni che avessero un forte legame di relazione con le loro città di provenienza e di destinazione, che sono stati poi giustapposti alle immagini e ai suoni di Belmonte Calabro in un montaggio, proiettato poi sulle pareti esterne della piazza, con l’obiettivo di creare un’ibridazione dei vari luoghi che racconti la nuova identità culturale di Belmonte Calabro.

Spazio di memorie

Design degli interiori viste dalla porta della libreria
Design degli interiori viste dalla porta della libreria
Design degli interiori viste dalla porta
Design degli interiori viste dalla porta della libreria
Costruzione collettiva all'interno della Biblioteca
Archivio concluso dopo una settimana di crossings
Creazione delle strutture durante il workshop

Spazio delle

meraviglie

Per 8 giorni gli eventi, dal 2 al 9 luglio 2018, i progetti, ma anche gli spettacoli e il cibo targati Crossings hanno attraversato il centro storico di Belmonte: studenti provenienti da diversi Paesi, professionisti, rifugiati, architetti e accademici, insieme agli abitanti di Belmonte Calabro, hanno sperimentato una nuova idea di condivisione, di attraversamento e ripensamento degli spazi e delle frontiere. Tra gli ospiti di quest’anno de “Le Seppie”, dalla London Metropolitan University sono arrivati Belmonte le professoresse Sandra Denicke- Polcher e Jane McAllister per la Facoltà di architettura, mentre Mark Collington e Naomi Groves per quella di animazione. Orizzontale, collettivo di architetti con base a Roma, ha progettato la struttura adattabile per le mostre. Il programma è stato arricchito da incontri con Mimmo Lucano, sindaco di Riace, e Federico Scaroni e allietato dai corti del festival Altrove e dal film Un paese di Calabria di Scu Aiello. L’evento di chiusura è stato animato dalla musica dei fiorentini Camillocromo Beat Band.
Costruzione collettiva all'esterno della libreria
Archivio concluso dopo una settimana di crossings
Realizzazione delle strutture della libreria in piazza a belmonte
Creazione delle strutture Crossings con Orizzontale
Vista del soffitto dello spazio archivio nella libreria

Galleria

Le foto della settimana di workshop

Rivivi e scopri i momenti passati al workshop. In particolare le attività, le esperienze e i luoghi visitati nella settimana di laboratorio creativo sociale a Belmonte Calabro.

Eventi

Scopri le talk e concerti tenuti durante il workshop

Sono stati discussi i temi affrontati durante la settimana e i piani che si sono definiti assieme durante il laboratorio. I video sono il migliore modo per entrare nel vivo dell’esperienza di Crossings.

Tutor in visita:

Jane McAllister

Jane McAllister

Jane McAllister è architetto e accademico a tempo pieno in qualità di capo corso per l’architettura BA presso la Facoltà di arte, architettura e design della London Metropolitan University di Sir John Cass. Negli ultimi anni è stata coautrice del processo di progettazione architettonica e dello sviluppo per il progetto City Farm che è diventato oggetto del suo dottorato di ricerca per progetto.

I suoi interessi teorici sono nel ruolo del mito come parte della memoria culturale e di come si manifesta come ornamento negli edifici. Insegna anche la pratica professionale e ha lavorato in collaborazione e ha pubblicato numerosi progetti visivi, scritti e progetti di costruzione tra cui “The Politics of Making 2007. In precedenza era docente alla Oxford Brookes University, dove insegnava studi di progettazione a livello di UG e PG ed era ricercatrice presso la Westminster University.

Sandra Denicke-Polcher

Sandra Denicke-Polcher

Sandra Denicke-Polcher è vicedirettore presso la London Met’s School of Architecture dal 2013 e dal 2000 insegna Live Projects Studio 3 a London Met. Dal 2000 è coordinatrice di corsi aziendali e corsi brevi per la School of Architecture. Collegamenti internazionali della scuola con MARZO a Mosca e per il programma del Brasile a San Paolo.

Sandra si è laureata con il Dipl.-Ing. alla TU Berlin nel 2000 e con il Diploma AA alla Architectural Association School of Architecture nel 1998. Ha studiato a Berlino, Lione e Londra. Attraverso l’insegnamento, Sandra esplora le opportunità e le sfide di impegnarsi con progetti dal vivo come parte dell’educazione architettonica basata sull’università. Con un’enfasi su progetti pubblici, avviati da studenti e tutor, il suo lavoro identifica le complesse relazioni tra educazione architettonica e pratica. I progetti live includono Made in Hayes, The Aldgate Project, Outdoor Stage a Kronberg, Germania e altri. La sua ricerca sulla pedagogia è evidente attraverso contributi regolari a conferenze e pubblicazioni.

Sandra è stato membro del panel interno ed esterno per le convalide dei corsi, nonché membro della giuria in concorsi internazionali. I suoi ruoli passati a London Met includono il responsabile del corso per il Diploma professionale in architettura (parte 2) e il responsabile del corso per architettura BA (Hons) (parte 1). È stata anche leader del modulo per vari moduli universitari presso la School of Architecture.

In pratica privata Sandra è socio fondatore di Studio 3 – Architecture + Urbanism e di opere pubbliche. I suoi progetti includono il progetto di riqualificazione urbana presso il Waterfront di Geesthacht, in Germania, dal 1999 al 2005 (assegnato il primo premio per l’edilizia esemplare nel regno pubblico, Germania). Ha lavorato a progetti nel Regno Unito, in Germania e in Iran (UN Habitat, Nairobi).

Orizzontale

Orizzontale

Orizzontale è un collettivo di architetti con sede a Roma, il cui lavoro attraversa i campi dell’architettura, dell’urbanistica, dell’arte pubblica e della pratica fai-da-te. Orizzontale dal 2010 promuove progetti di spazi relazionali comuni, dando forma a immagini della città respinte e invisibili. Questi progetti hanno rappresentato il terreno per sperimentare nuovi tipi di interazioni collaborative tra abitanti delle città e beni comuni urbani, nonché occasioni per testare i confini del processo di creazione architettonica. Orizzontale ha sviluppato progetti in Italia, Spagna, Germania, Austria, Grecia, Ucraina, Portogallo. “8 ½”, il teatro mobile progettato da orizzontale nel 2014, è stato insignito del premio internazionale Young Young Architects Program (“YAP MAXXI 2014”) dal MAXXI Museum e dal MoMA PS1.
Mark Collington

Mark Collington

Mark took up the BA (Hons) Animation Course Leader role at the CASS in 2013, and is the External Examiner for BA (Hons) Animation at Plymouth College of Art (2012-2016). He established and ran the BA (Hons) Animation course at University of Bedfordshire (2006-2013). He previously worked as a senior lecturer at the Arts University Bournemouth (2004-2006), assisting in the successful Skillset accreditation of the BA (Hons) Animation Production Course.

He completed his own animation studies at the Royal College of Art. His MA films, and subsequent Arts Council England funded animation commission work, have been screened on television and at a number of international animation festivals. He started his career as a traditional 2D animator working on a sitcom pilot series at a studio based near Birmingham. He also worked in fashion illustration and brand development for a menswear company in Paris, and subsequently for London based clients including Moyses Stevens.

His personal work primarily explores relationships between architecture and animation. Recent projects include projection mapping animated images onto Surbiton Station, and developing an animated visual essay to accompany his forthcoming animation handbook, to be published by Bloomsbury in 2015.

Mark will be participating together with London Metropolitan The CASS technician: Naomi Groves. Naomi is a Videographer, Web, Digital Producer, Art Director currently based in London.

Workshop precente

Workshop successivo

dona ora img

Aiutaci a costruire Casa BelMondo!

Sostienici su Eppela

Dona ora