6 Novembre – 11 Dicembre 2017, Seppie Lab, Amantea

It’s just a movie

Corso di narrazione videofotografica

Curato da Silvia Gin

Con il supporto del Seppie Lab. In collaborazione con Zeshan Mazhar, Safa Mussadek, Freeborn, James Jerry, Alasan Bah

Un racconto di ricordi di Silvia Gin

Mi lascio andare nei ricordi del nostro workshop di filmmaking ad Amantea mentre provo a scrivere una tesi di laurea sul cinema collaborativo che è prevista tra 26 giorni. So che, intanto ad Amantea, Freeborn, Jerry, Rita, Safa e Zeshan stanno producendo una canzone hip-hop che hanno iniziato mentre ero lì, nei momenti di pausa in cui lasciavo andare le redini…
Non ho ancora avuto il tempo di guardare il filmato che abbiamo fatto, ma sono sicuramente molto soddisfatta del processo. Abbiamo imparato ad imparare insieme. Abbiamo imparato a conoscere cinema, produzione, narrativa, relazioni, sogni degli altri …

Non so ancora come sarà il risultato finale. So che includerò nei crediti i ritratti che Safa ha fatto di noi. So che mostrerò il mio montaggio ai miei collaboratori e amici per consigli e approvazione.

Reminiscenze di un workshop di filmmaking in Calabria

Sto scrivendo quanto segue dopo aver letto un’intervista a Carolyn Strachan e Alessandro Cavadini, i registi che hanno prodotto film in collaborazione con le comunità aborigene australiane negli anni ’70 e ’80. Ho appena iniziato un film ad Amantea (Calabria) con l’aiuto di Alasan e Omar dalla Gambia, Rita dall’Italia, Safa dalla Libia, Freeborn, Jerry e Precious dalla Nigeria e Lucky e Zeshan dal Pakistan. Credo che il risultato finale sarà fortemente influenzato dalle dinamiche della comunità multietnica che ha lavorato insieme al progetto.

Dico “Ho appena iniziato … con l’aiuto di” perché il nostro lavoro non era rigorosamente e puramente una produzione cinematografica partecipata. Le persone che hanno lavorato con me ad Amantea non mi hanno chiesto di girare un film con loro e per loro come hanno fatto le comunità aborigene australiane con Cavadini e Strachan. Ho (disperatamente) chiesto io il loro aiuto. Il film sarà il progetto finale per la mia laurea. Su di loro e le loro storie. Sono molto grata a loro e al loro aiuto.

Mi hanno chiesto:
“quando vedremo il film?”
Ho detto: “mai”.
“Quando torni?”
“Mai.”
(Inutile dire che E’ uno scherzo)

Sono una studentessa di antropologia visiva a un mese dalla mia laurea; ho lavorato, durante tutto l’anno accademico, su un film sulla mia città e sulla mia comunità (Venezia, i miei amici e la mia famiglia) e poi, per un incidente con l’hard disk, si sono cancellate tutte le riprese e le registrazioni audio del progetto 40 giorni prima della scadenza per la presentazione della tesi. 

Sto parlando del lavoro (perduto) su Venezia per far capire che sono interessata a documentare un luogo e una comunità di persone di cui faccio parte, che conosco dall’interno.
Quindi, come sono finita da Venezia ad Amantea? Da nord a sud? A parlare di Veneziani per poi lavorare con migranti e rifugiati di varie nazionalità?

Solo una settimana prima di perder tutto il lavoro sull’hard disk, ero in Calabria a scattare foto e video durante Crossings 2018. In un clima di apertura, disponibilità e fratellanza, mi sono sentita facilmente parte di questa comunità eterogenea che si è formata 2 anni fa e coinvolge africani, asiatici ed europei, e così sognavo di fare un film o un documentario sulla realtà appena scoperta.

Ho contattato Rita, ho spiegato la situazione e ho proposto di curare un workshop per la produzione di cortometraggi. Rita si rese subito disponibile ad aiutare. Abbiamo quindi contattato gli amici migranti che avevo incontrato solo due settimane prima e, anche loro, sembravano molto felici di aiutarmi.

In due giorni ho prenotato un biglietto aereo da Londra a Lamezia Terme e ho deciso come strutturare il workshop in Calabria. Non avrei potuto realizzare questo film da sola, non avevo la capacità di rappresentare un luogo e persone di cui conoscevo così poco. Avevo bisogno di gente del posto che mi suggerisse cosa fare e cosa rappresentare, così da identificare le storie che dovevano essere raccontate. Con questo in mente, ho messo insieme un elenco dei miei film e documentari preferiti, ho preparato la mia macchina fotografica, noleggiato tutta l’attrezzatura sonora che potevo dalla Goldsmith University (la mia università) e ho dato un appuntamento a tutte le persone interessate: lunedì 10 Agosto al Seppie Lab di Amantea.

Brainstorming durante la produzione di It's Just a Movie

Il Processo

Il primo giorno abbiamo visto tutti frammenti di un film horror, di documentari, di documentari collaborativi, di cortometraggi femministi d’avanguardia. Agnes Varda, Jean Rouch, Patricio Guzman … non i soliti registi di Hollywood.
Prima e dopo ogni proiezione ho improvvisato un’introduzione, una contestualizzazione; Ho chiesto ai miei nuovi amici e ora “studenti” di concentrarsi sui suoni, ho incoraggiato la discussione, fatto domande, ascoltato commenti, cosa piaceva alle persone, cosa non facevano e perché.

Alcuni partecipanti si sono addormentati o hanno costantemente guardato i loro telefoni, ma altri hanno dimostrato di essere estremamente interessati e aperti. Hanno chiesto di guardare di più, non sono stati scoraggiati dalle immagini dei compagni migranti che sono stati perquisiti e archiviati dalla polizia italiana, hanno analizzato attentamente temi e significati dietro le quinte. Sono stati ispirati dalla Soia Cuba di Mikhail Kalatozov per i suoi suoni, per il senso di oppressione; dalla nostalgia per la luce di Patricio Guzman, per i suoi contrasti e per la tragedia agghiacciante della colonna vertebrale.

Dopo un primo giorno di grande successo come facilitatore del cinema, non vedevo l’ora che arrivasse il secondo giorno: il giorno in cui dovevamo decidere la sceneggiatura del film.
Mi sono ricordata di alcune lezioni di teatro a cui ho partecipato circa 10 anni fa e ho improvvisato alcuni esercizi di meditazione e respirazione.
Quando ci siamo sintonizzati tutti, ho chiesto ai partecipanti quale stile preferissero nei film che abbiamo visto il giorno prima. Quattro di loro hanno risposto chiaramente: a Safa piaceva il contrasto tra cielo e terra in Nostalgia for the Light, a Zeshan piaceva la scena finale sull’amicizia e la lotta nel corto di Ico Costa, Nyo Vweta Naft, a Freeborn piaceva la descrizione dell’ingiustizia e dell’oppressione in Soy Cuba, a Jerry sono piaciuti i segni e i simboli de L’Opera Mouffe.

 

Momenti di riflessioni durante il workshop di Silvia Gin

Abbiamo quindi scritto alcuni argomenti e temi a cui eravamo tutti interessati e che potevamo usare nel film.
Il mare, il silenzio, il razzismo, l’integrazione, la speranza e la depressione, i sentimenti, i suoni, i colori. Ho finito per scrivere due fogli A1 di parole significative.
Quindi abbiamo deciso di voler raccontare storie separate, seguendo lo stile di Soy Cuba. Non ricordo quanto fossero democratiche tutte queste scelte. Mi hanno permesso di avere un po ‘di autorità …
Ho preso consigli e suggerimenti quando sono stato d’accordo con loro, e ho rifiutato e ignorato le proposte che non mi piacevano personalmente e che sembravano troppo ambiziose per produrre nel tempo limitato che avevamo.

Alla fine del secondo giorno, avevamo quattro storie nate da discussioni collettive ma che sono sempre state approvate o modificate da me. “Siamo in democrazia”, ho detto il primo giorno “Ma io sono la regina”.

Quando ho tirato fuori la mia macchina fotografica era davvero difficile lasciarla andare. Ho chiesto a Zeshan e Jerry di occuparsi del suono, ho dato una GoPro in prestito a chiunque sembrasse interessato a girare quello che stavamo facendo, ma ho tenuto la mia Sony incollata alle mie mani. 

Pertanto, io ho diretto e filmato, Zeshan e Jerry sono stati tecnici del suono, Freeborn, Zeshan, Jerry, Safa e Precious hanno recitato ed assistito in ogni piccolo compito, Alasan ha creato un sito Web su ciò che stavamo facendo (è questo testo su quel sito ora ?), Zeshan e Rita facevano le foto durante le riprese.  

Le Storie

La prima storia che ho filmato è stata quella di Freeborn: una riproduzione di qualcosa che gli è realmente successo, una storia sulla speranza di integrazione e lavoro e sulla frustrazione data dal razzismo incontrato.

La seconda storia era quella di Jerry; una conversazione improvvisata tra Safa e Jerry e Precious. Andavamo tutti al mare, il mare in cui lottavano, l’incarnazione della vita e della morte, la porta per l’Europa o per la morte. I tre attori hanno naturalmente discusso delle loro esperienze in Libia, circondati dal mare, dalla luna e da un temporale visibile ma distante.

La terza storia è stata pensata da Zeshan. Ha scelto il suo posto preferito come luogo delle riprese, siamo andati accanto alle rovine di un’antica chiesa in cima a una collina. Avevamo deciso che la storia era una conversazione scritta tra due amici che fumavano mentre guardavano il mare.
“Il mare sembra calmo ora …” inizia. I temi sono passati, nostalgia, mare, sogni, speranza e frustrazione, documenti …

La quarta e ultima storia che abbiamo girato è stata quella di Safa. La ha scritto completamente da sola. Questo è quello che le piace fare: disegna e scrive storie horror.
Era il quarto e ultimo giorno del nostro laboratorio, avevamo lavorato molto duramente ogni giorno, erano le 22:00, faceva caldo ed eravamo stanchi e disidratati. C’è stata quasi una rivoluzione !!! La gente voleva andarsene, hanno iniziato a litigare, tutti abbiamo gridato.
Dopo un paio di prove sbagliate, Rita ha portato pizze, birre e coca cola e dopo una pausa necessaria, siamo riusciti ad avere una nuova carica. La storia di Safa doveva essere horror. Ciò implicava caos e calma, suoni e silenzio, vita e morte. Scrisse di un naufragio e noi filmammo ombre su un muro mentre recitava in arabo. Tutti hanno aiutato, uno con una luce, altri con forme di cartone. Il giorno dopo (venerdì) ci siamo tutti incontrati per riordinare il laboratorio, pranzare insieme, e salutarci. Quel giorno sono riuscita a lasciar andare la mia macchina fotografica. L’ho ceduta a Zeshan, che ha filmato mentre parlavamo dei feedback sui giorni trascorsi insieme, mentre Jerry registrava.

Esercizi di rilassamento durante il workshop di Silvia Gin
Durante le riprese di It's Just a Movie
Riprese durante il film It's Just a Movie

Galleria

Le foto del Seppie Lab

Rivivi e scopri i momenti passati al workshop. In particolare le attività, nei mesi di attività di laboratorio creativo sociale ad Amantea.

dona ora img

Aiutaci a costruire Casa BelMondo!

Sostienici su Eppela

Dona ora